Ti trovi in:

Home » Il territorio della Paganella » Storia

Storia

Immagine decorativa

Brevi cenni sulla storia dell'altopiano

Da reperti archeologici (selci, cocci di terracotta) ritrovati nel Lago di Molveno si ha testimonianza della presenza dell'uomo nell'area sin dal neolitico. L'uomo era presente in maniera stabile nella valle delle Seghe dal 3000 a.C., per poi spostarsi nei pressi di Molveno a seguito della frana che creò l'omonimo lago.
Altre testimonianze parlano della presenza vicino a Fai della Paganella di un villaggio retico del V - IV secolo a.C.
La conquista romana lascia poche tracce nell'Altopiano. Anche la cristianizzazione della Paganella avviene tardi rispetto al Trentino e all'Alto Adige.
Nell'alto Medioevo, la regione ebbe a subire numerose invasioni dovute alla collocazione strategica della val d'Adige (Longobardi nel 560 a.C. e poi i Franchi nel 590 a.C.).
L'Altopiano fu conteso nel corso dei secoli XIII e XIV dai Vescovi di Trento, i conti di Flavon ed i conti del Tirolo.
In epoca napoleonica, gli Austriaci contrastarono l'avanzata dei Francesi nella zona.

Fonte: wikipedia.it